La Collezione Bestiale

Sto caricando la mappa ....

Date/Time
Date(s) - 20/11/2013 - 25/11/2013
18:00 - 20:30

Location
Ospizio Giovani Artisti

Category(ies)


OSPIZIO GIOVANI ARTISTI

 

COMUNICATO STAMPA

Mostra: LA COLLEZIONE BESTIALE

Artisti:           Osvaldo Cavandoli, Sobhi Cherif,  Nestore Del Boccio,  Werther Germondari

Myriam Laplante, Gianni Piacentini, Massimo Ruiu, Samuele Vesuvio, Silver.

Curatore: Werther Germondari

Luogo: Ospizio Giovani Artisti – www.ospiziogiovaniartisti.com

Indirizzo: via Cernaia 15 – 00185 Roma

Inaugurazione: mercoledì 20 novembre 2013, h 18 -20.30  Ingresso ad invito, scrivendo a wgermondari@mac.com

Periodo: 20 -25 novembre 2013

Orario: solo su appuntamento, scrivendo a wgermondari@mac.com – www.werthergermondari.com

 

L’Ospizio Giovani Artisti espone una collettiva con opere di nove artisti, tutte provenienti dalla collezione dell’OGA, in cui sono presenti riferimenti al mondo animalesco e bestiale.

 

Osvaldo Cavandoli (Toscolano-Maderno, 1920 – Milano, 2007) è stato un animatore, regista e fumettista italiano, celebre soprattutto per aver creato e animato il personaggio de La Linea. Negli anni ‘60 e ‘70 realizza 35 film pubblicitari Lagostina, andati in onda nel ‘Carosello’ della Rai. L’essenzialità del tratto, l’originalità del personaggio e il carattere un po’ brontolone segnano il successo mondiale della Linea e la sua ascesa nell’Olimpo dei personaggi animati. Nel 1998 Cavandoli è scelto per decorare con la sua Linea le pareti degli uffici dell’Allianz di Berlino.

 

Sobhi Cherif (Cairo, 1936) Dopo il successo della sua prima mostra nel 1960, Sherif Sobhi ha realizzato varie mostre negli Stati Uniti. È stato poi a lungo legato alla galleria La Barcaccia di Roma, città in cui ha vissuto fino agli anni ottanta. I suoi dipinti sono presenti in musei e collezioni private in Egitto, Italia, e negli Stati Uniti. Cherif crea nei suoi dipinti una superficie ricca, con l’applicazione di strati di vernice concentrati, e  usa prevalentemente i colori vermiglio, cobalto, azzurro, verde, oro e seppia, tutti dal ricco patrimonio iconico dell’arte egiziana.

 

Nestore Del Boccio (Raiano, 1950) è pittore, illustratore e fumettista con collaborazioni importanti, come l’Intrepido e Comic art, ma anche autore di vignette di satira sul quotidiano Il Centro negli anni ’80, poco dopo la sua nascita. Tanti i numeri sexy ed erotici per l’Ediperiodici di Milano,E.P.P. Edifumetto,Tattilo di Roma, e serie come Corna vissute, Luci Rosse, Carne bollente e Top Story. Tanti generi, dall’horror, al western, e numerosi personaggi creati dalla sua matita, come Tony Cif, Alleluja, Slim Panzana.

 

Werther Germondari (Rimini, 1963), attento a dinamiche innovative sperimentali neo-concettuali e situazioniste, che si caratterizzano per un gusto ironico e surreale, svolge da trent’anni una ricerca attraverso numerosi media espressivi. Ha partecipato a esposizioni in gallerie private e spazi sperimentali, alternando installazioni d’ambiente, videowork e atti performativi, e focalizzando l’attenzione su elementi nascosti, attinenti a una visione reale, sociale e politica.

 

Myriam Laplante (Chittagong, Bangladesh, 1954) è un artista canadese che vive e lavora  in Italia dal 1985. Dagli anni settanta si dedica alla pittura, alla fotografia, alla scultura, all’installazione e soprattutto alle performance, che sono state presentate in numerosi musei, festivals e gallerie in Europa, Nord America e Asia. I suoi lavori sono nelle collezioni della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e del MACRO di Roma, e in quelle del Musée du Québec e Musée National de la Photographie (Ottawa).

 

Gianni Piacentini (Roma, 1962). Tra suoi progetti: Carnibali (per farla finita con i tagliatori di carne), Galleria Gallerati, Roma 2012. Ha contribuito alla performance collettiva TAXXI (Movimento di corpi e mezzi al riparo dalle piogge acide contemporanee) prodotto dal Dipartimento Educazione del Maxxi nel 2012. Sua la cura del Premio città etica (per l’anno duemilae…), del Premio Retina per le arti visive e della rubrica La mostra che non ho visto sul sito Art a Part of cult(ure).

 

Massimo Saverio Ruiu (S. Severo, 1961) si laurea in Storia dell’Arte contemporanea nell’89 e svolge la propria attività artistica ed espositiva a partire dal 1984. La sua ricerca artistica ha, come propria costante, una tensione poetica che focalizza una serie di tematiche legate ai bisogni umani più intimi e profondi. Tali contenuti si sostanziano, di volta in volta ed in relazione ai contesti, in opere realizzate attraverso il ricorso a tecniche e linguaggi diversificati: installazioni, diaproiezioni, video, videoinstallazioni, disegni, fotografia.

 

Silver, pseudonimo di Guido Silvestri (Modena, 1952), è un fumettista italiano. Inizia a lavorare nel campo del fumetto nello studio di Franco Bonvicini, alias Bonvi, autore delle Sturmtruppen, con il quale compie il suo apprendistato. Lavora inizialmente su personaggi già famosi come Cattivik, sul quale Silver continuerà a lavorare anche dopo la morte prematura di Bonvi. È noto soprattutto per aver dato vita al personaggio umoristico di Lupo Alberto, pubblicato per la prima volta  nel 1974 sul Corriere dei Ragazzi.

 

Samuele Vesuvio (Berna, 1987 [wild card’*]) partecipa dal 2000 a numerose mostre collettive in Italia, Svizzera e Germania. Nel 2009 viene pubblicato il suo fumetto “Time Riders”. Un lavoro commissionato dal Museum Tinguely di Basilea, dove nel 2010 partecipa anche con la sua performance “Live Comics” durante la “Museums Nacht 2010″. Nel 2011 Inaugura la sua prima mostra personale dal titolo “Eruzione” nella Gesellschaft Freunde junger Kunst di Baden-baden, in Germania. Nel 2013 crea una nuova installazione nel giardino di sculture “La Serpara”.

 

[* assegnata ad artisti meritevoli di partecipazione alle mostre all’OGA non superanti la soglia dei 35 anni d’età prevista dal regolamento].

Lascia un Commento