Donna Scultura XI edizione

 

Donna Scultura XI edizione

a cura di Chiara Celli e Valentina Fogher
9 febbraio – 10 marzo  2013
Chiostro di Sant’Agostino Pietrasanta (Lu)

Choi Yoon Sook, Nilda Comas, Alba Gonzales, Jimilu Mason

 

Lo scorso 9 febbraio nello straordinario Chiostro di Sant’Agostino a Pietrasanta è stata inaugurata dal Sindaco Domenico Lombardi e dall’Assessore alle pari Opportunità Italo Viti, l’undicesima edizione di Donna Scultura, fiore all’occhiello delle attività culturali promosse dall’Assessorato, nonchè una delle manifestazioni del più ampio progetto Donna Eventi del Comune. Quattro le artiste selezionate per l’ esposizione: Choi Yoon Sook, Nilda Comas, Alba Gonzales e Jimilu Mason. La mostra, abilmente curata da Chiara Celli e Valentina Fogher è visitabile fino al 10 marzo.

 

 

 

DonnaScultura è una rassegna tutta al femminile del Comune di Pietrasanta. La storia di quattro scultrici che hanno fatto della cittadina in provincia di Lucca, il centro della loro creatività. Quattro personalità differenti, quattro culture che interagiscono, animandoli, nei suggestivi spazi delle sale e del Chiostro di Sant’Agosinto.

Ciascuna ha privilegiato una tecnica, un tema, forme e materia. La mostra, attraverso le opere esposte, oltre quaranta, consente di ripercorrerne il cammino artistico di ciascuna artista. In particolare sarà illustrata con fotografie, disegni e bozzetti, la genesi di una scultura che ciascuna considera particolarmente significativa nel proprio percorso creativo.

Le artiste

Alba Gonzales nata a Roma nel 1939 da madre siciliana, ma di origine spagnola e greca, e da padre spagnolo, come da cognome si evince. Vive e lavora tra Pietrasanta e Roma. Autodidatta, ha cominciato a dedicarsi alla scultura con continuità all’inizio degli anni Settanta e nel 1975 inaugura la sua prima mostra personale. Dopo gli esordi di figurazione tradizionale, ha subito il fascino delle materie (pietre, tufi, marmi) indirizzando l’esperienza verso forme di stilizzazione del corpo, per coglierne e di interpretarne la valenza simbolica, la struttura ritmica e la suggestione totemica.

Nel 1978, in seguito all’invito del critico Giorgio Di Genova ad esporre nella Piazza del Duomo di Pietrasanta la sua prima opera monumentale in bronzo (per la rassegna Scultori e Artigiani in un centro storico) avvia un’assidua frequentazione del laboratorio del marmo di Sem Ghelardini, con il quale manterrà poi sempre collaborazione ed amicizia. Il lavorare con i bravi scalpellini della Versilia, anche dopo la scomparsa prematura di Sem a Pietrasanta, con quelli dello Studio Angeli a Querceta, o del laboratorio di Carlo Nicoli a Carrara, il veder crescere le proprie opere accanto a quelle dei più importanti e riconosciuti Maestri della scultura contemporanea (Moore, Marino, César, Noguchi, Adam, Signori, Cascella, Consagra, Penalba e altri, provenienti da ogni parte del mondo) sono state per lei occasioni straordinarie di approfondimento delle tecniche e delle poetiche del fare scultura e anche della conoscenza di se stessa.

DSCN4931

Alba Gonzales, Sensualità/Potere, 2012

L’evolversi della personalità e della creatività di Alba Gonzales è venuto articolandosi secondo alcune tematiche fondamentali. Sino al 1985 ha privilegiato la dialettica della struttura con figurazioni antropomorfiche che sondano in maniera originale il senso del mito arcaico e del meccanicismo moderno. Dal 1986 è il tema Amori e Miti, che tuttora è in divenire, si arricchisce di nuove, importanti opere a testimonianza del fascino che la cultura mediterranea continua ad esercitare. Contemporaneamente un altro tema sollecita la risposta scultorea di Alba Gonzales alla condizione esistenziale, Sfingi e Chimere ovvero la bestia che è dentro di noi, in una drammatizzazione e teatralizzazione della forma di figurazione fantastica con forti componenti erotico-oniriche.

Nel 2006 è invitata nella Basilica Palladiana a Vicenza a prendere parte alla mostra storica Da Martini a Mitoraj. La scultura moderna in Italia 1950/2000. Ha esposto in numerosissime occasioni sia in Italia che all’estero, in personali all’aperto a Roma (Via Veneto, Piazza di San Lorenzo in Lucina, Via del Babuino), Fregene, Pietrasanta, Cortina d’Ampezzo, San Quirico D’Orcia, Iesolo Lido, Vittorio Veneto, Marina di Pietrasanta (Parco della Versiliana e sul pontile di Tonfano), Seravezza (Centro Storico e Palazzo Mediceo), Pietrasanta (Piazza del Duomo e Pianeta Azzurro Versilia), Carrara (Palazzo dell’Autorità Portuale in occasione del Premio La Lizza e presso il Duomo).

Nel 2010, il Comune di Pietrasanta la include tra i progetti del Parco Internazionale della Scultura Contemporanea, offrendole uno spazio in Piazza Statuto dove viene inaugurata l’opera monumentale in bronzo Sfinge e Colomba. Vittorio Sgarbi la invita nel 2011 alla Biennale di Venezia (a Palazzo Venezia a Roma) .

Nel 2012 Dino Gasperini, Assessore alla Cultura del Comune di Roma e l’Associazione “Amici di Via Giulia”, hanno desiderato esporre le sue opere monumentali nell’Oratorio del Gonfalone in occasione del Premio Via Giulia consegnato a Gianni Letta. Attualmente sono in corso di allestimento la I Biennale di Palermo e una personale presso il Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi in occasione del centenario della nascita del famoso artista.

 Alba Gonzales realizza le sue opere in marmo nei laboratori di Pietrasanta, Querceta e Carrara, dove realizza anche le sue opere monumentali in marmo. Per le fusioni in bronzo si avvale delle più importanti fonderie artistiche, soprattutto di Pietrasanta, ma anche di Verona e Vicenza.

Nilda Comas nata a San Juan, Porto Rico nel 1953, fin da bambina è attratta dall’arte, dedicandosi a copiare i dipinti di diversi quadri presenti nella collezione permanente del Museo d’Arte di Ponce. Finite le Scuole Superiori, inizia a seguire i corsi di Scienze Umane e Filosofia presso l’Università di Puerto Rico a San Juan (1969-‘70), per studiare quindi Belle Arti alla Sam Houston State University di Huntsville in Texas (1970-‘71), e conseguire poi la laurea in Belle Arti presso l’Università di Houston, Texas (1971-‘74). Si specializza con un Master in Scultura Figurativa alla New York Academy of Art (1996-‘98), per completare infine la sua formazione presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara nel 1999.

DSCN4916

Nilda Comas, La piccola violinista, 2013

È diventata scultrice professionista nel 1991. Nel 1994 assiste lo scultore Robert St. Croix a Palm Beach, alla cui fonderia impara le tecniche dell’ingrandimento, della formatura e della fusione in generale. Questo lavoro la porta a conoscere lo scultore Barry Johnston, che la incoraggia a recarsi a Pietrasanta, per fondere lì le proprie opere. Nel 1995 le viene offerto di lavorare a Firenze presso lo studio di Marcello Tommasi e per Toni Bruchert proprio a Pietrasanta, dove alla Fonderia Del Chiaro incontra Joseph Sheppard, che diventa non solo suo maestro e mentore, ma anche grande amico, e che, assieme a Bruno Lucchesi, la consiglia di frequentare la New York Academy of Art. Nel 1997 è Assistente del Prof. Anthony Visco. Nel 1998 assiste la scultrice Esther Wertheimer a Pietrasanta, dove dal 1998 al 2003 mantiene un proprio spazio presso il Laboratorio di marmi dello Studio Cervietti, studia presso il maestro artigiano Enzo Pasquini ed è assistente dello scultore Ivan Theimer. Tra il 2001 e il 2002 viaggia in Cina, Kuala Lumpur, Tailandia e Hong Kong. Nel 2003 studia l’arte di dipingere ritratti con Nelson Shanks a Palm Beach. Nel 2004 apre il suo studio a Fort Lauderdale, The Legacy Art Studio, dove inizia ad insegnare ai propri studenti, che dal 2007 porta anche a lavorare a Pietrasanta.

Numerose sono le sue mostre personali, tra le quali si segnalano: Florida Collector’s Gallery, Ft. Lauderdale, FL (2003); The Appleton Museum of Art, Ocala, FL (2006); The Legacy Art Studio, Fort Lauderdale, FL (2007-’11); Museum of Florida Art, Deland, FL (2011; ‘12); Art in Public Places, Boynton Beach, FL (2011); Venetian Arts Society, Ft. Lauderdale, FL (2011); Stranahan House Museum, Ft. Lauderdale, FL (2011; ‘12); Museum of Art Fort Lauderdale/Nova Southeastern University, Ft. Lauderdale, FL (2011); Lighthouse Art Museum, Tequesta, FL (2012).

Espone le sue opere anche in diverse collettive, tra cui: The Ann Norton Sculpture Gardens, West Palm Beach, FL (1993); The Royal Palm Beach Gallery, Palm Beach, FL (1994); The National Arts Club, New York (1996; 2009); Florida Collector’s Gallery, Ft. Lauderdale, FL (1997); Art in Downtown, Fort Lauderdale’s Downtown Development Authority, Ft. Lauderdale, FL (1998; Premio al Merito, 1999; 2000); National Sculpture Society, New York (2001; ‘11); Classic Art Forms, Beverly Hills, CA (2002; ‘03); Westminster 142nd exhibition of Women Artists, Londra (Best in Show Award, 2003); Dswart Galleries, Naples, FL (2004); The Legacy, University of Maryland, Baltimora, MD, Midwest Museum of American Art, IN, The Westervelt Warner Museum of American Art, AL (2005); International Palm Beach Biennale, Wellington, FL (Award for Excellence, 2006; ‘08); The Legacy, Picker Art Gallery, Colgate University, New York, Wayne Stark Galleries, Texas A.& M. University, TX, The Appleton Museum of Art, Ocala, FL (2006); The Legacy, The Jule Collins Smith Museum, Auburn University, AL, The Springfield Museum of Art, Ohio, University of Toledo, Ohio (2007); Satelite Gallery, Butler Institute of American Art, Salem, OH (2007); A N.E.W. Museum/Galleries, Miami, FL (2008); Catherine Lorillard Wolfe Art Club, New York (2009); New York Academy of Art, New York (2009); Gateway Bank, Ocala, FL (2010); Fort Lauderdale Museum of Art, Ft. Lauderdale, FL (2012); Art Serve, Ft. Lauderdale, FL (2012).

Ha ricevuto due borse di studio al merito dalla New York Academy of Art (The Andy Warhol Scholarship, 1996; Merit Grant, 1998); l’Agop Agopoff Memorial Prize dalla National Sculpture Society, New York (1998 e 2001) e dalla stessa una medaglia di bronzo (1998); il Peter Hambro Sculpture Award, Hambro Group, Londra (2003); The Catherine Lorillard Wolfe Art Club Award, National Arts Club, New York (2004); una borsa di studio, Broward County Cultural Division, Ft. Lauderdale, FL (2007). I suoi lavori sono presenti in molte collezioni pubbliche e private in Perù, Stati Uniti, Austria, Italia, Venezuela e Canada.

Nella zona apuo-versiliese ha presentato le sue opere a: La Torretta, Pietrasanta (1995); Accademia di Belle Arti, Carrara (1998); Ars Nova 2000, Centro Culturale “Luigi Russo”, Pietrasanta (2000); Il volto dell’uomo, Villa Gori, Stiava (2000); Pietrasanta Sculture & Scultori, Pietrasanta (2002); Chiostro di Sant’Agostino, Pietrasanta (personale, 2003); Palazzo Ducale, Massa (2010).

Jimilu Mason (USA, 1930) grazie ad una borsa di studio, si diploma in Arte presso l’American University di Washington D.C. (1951), conseguendo poi nel 1953 la laurea cum laude in Belle Arti presso la George Washington University.

Espone per la prima volta nel 1951 allestendo una personale alla Watkins Gallery della American University. Partecipa ad alcune mostre sia negli Stati Uniti che in Italia, tra cui: Smithsonian Institution, Washington D.C. (1953); Corcoran Gallery of Art, Washington D.C. (1956-’57); Detroit Museum of Art, Detroit, MI (itinerante, 1958); Pennsylvania Academy of Art, Philadelphia, PA (itinerante, 1958-’61); Potter’s House Gallery, Washington D.C. (personale, 1958); The Athenaeum, Alexandria, VA (personale, 1974); The Art Barn, Washington D.C. (1976); Virginia Museum of Art (Governor’s Award e mostra permanente, 1985); centro espositivo, Roma (1999); J Gallery, Hong Kong (2001); Complesso Antico Ospedale S. Maria dei Battuti, San Vito (2002); Museo ex-Filanda, Maniago, PN (2002; 2011); Pietrobon, Treviso (2003); Cooper Gallery, Lewisburg, WV (2003); Festival Center, Washington D.C. (2004).

Nota specialmente per i suoi ritratti e le sue sculture figurative, durante la sua carriera artistica si dedica soprattutto all’esecuzione di numerose commissioni pubbliche e private, ora presenti in tutti gli Stati Uniti, fra le quali si ricordano: Old Testament Trilogy, pilastro, Fire Church, Denver, CO (1965); Father of the Prodigal Son, Samaratin Inn, Washington, DC. (1969) e Surrey, UK (1997); Moon Landing, The National Cathedral School for Boys, Washington, DC (1974); Madonna and Child, Irish Oratory, Nat. Shrine of the Immaculate Conception (1980); Cabriole, One Valley Bank, Charleston, WV (1980) e Westminster College, New Wilmington, PA (1994); Brio, Market Square, Alexandria, VA (1983); 8 sculture, St. Francis of Assisi Church, Triangle, VA (1983-’84); The Gold, giardino, Virginia Governor’s Mansion, Richmond, VA (1986); Servant Christ e The People of Adams Morgan, Christ House, Columbia Rd. NW (1986); The Hug, Town Center, Columbia, MD (1987); Shanti Fountain, Washington Narional Zoological Park, Washington, DC (1990); Parable, Festival Center, Washington, DC (1990); Roger L. Stevens, Hall of States, The Kennedy Center e National Endowment of the Arts Washington, DC, Roger L. Stevens Performing Arts Center, Winston-Salem, NC (1999); Embracing Christ, First Presbyterian Church, Colorado Springs, CO (2002); Leave No Child Behind, Children’s Defense Fund, Haley’s Farm, Clinton, TN (2003); Mattie J.T. Stepanek, and Micah, Mattie Stepanek Park, King Farm, Rockville, MD (2009); Servant Christ, Recovery Café, Seattle, WA (2010); Rep. Sam Rayburn e Rep. Leslie Arends, House of Representatives, Washington DC (2010); Nine/Eleven Memorial (2011);

DSCN4925

Jimilu Mason, Cabriole,1993

President Lyndon B. Johnson, U.S. Capitol, AMVETS Association e American Optical Society, Washington DC, N.A.S.A., Houston, TX, Johnson Library, Austin, TX, Smithsonian Institution’s National Portrait Gallery, Washington DC; Costantino Brumidi, U.S. Capitol, Washington DC; Frederick M. Vinson, U.S. Supreme Court; Edwin C. Johnson, Colorado Sate Capitol, Denver, CO; Samuel Rayburn, Smithsonian Institution’s National Portrait Gallery, Washington DC e Sam Rayburn Library, Bonhan, TX; Burning Bush, David Lloyd Kreeger Museum, Washington DC; President John F. Kennedy, North Carolina Museum of Art, N.A.S.A., Houston, TX, David Lloyd Kreeger Museum, Washington DC, University of Georgia, Ralph K. Davies General Hospital, San Francisco, CA; Justice Oliver W. Holmes, L.B.J. Memorial Park, Stonewall, TX; Father Edward Bunn, Intercultural Center, Georgetown University, WDC; William Faulkner, Fisk University; Richard Russell, University of Georgia; Hernan Mark, Brooklan Institute of Technology, New York; Lowell B. Mason, Illinois School for the Blind; Hon. John Stennis, Ole Miss. University; J. David Gladstone, San Francisco General Hospital, San Francisco, CA; Hon. Richard Russell, Richard Russell Memorial Hospital, Winder, GA; Audie Murphy, Audie Murphy Memorial Hospital, San Antonio, TX; Herbert Martini e S.B. Fuller, Johnson Products Co.Corp., Chicago, IL; Hibbert F. Johnson, Johnson Wax Co. Corp., Racine, WI; Corporate Founders, Johnson Wax Corp., Frimley Green, UK; Charles Townes, medaglia d’argento.

È nominata membro del National Council of Art (1966-‘70) dal Presidente Lyndon B. Johnson e nel 1970 ottiene il National Design Award dall’Housing and Urban Development di Washington D.C. È membro dell’“Artists Equity Association” in Washington DC.

Sue opere sono presenti anche in collezioni private di Stati Uniti, Italia, Venezuela, Uruguay, Svizzera e Gran Bretagna.

Arrivata a Pietrasanta nel 1957 per lavorare alla Fonderia Tommasi, realizza le sue opere anche presso le fonderie, Del Chiaro, Mariani e L’Arte ed i Laboratori Roberta Giovannini e Sirio Navari. Presso il Centro Culturale “Luigi Russo” prende parte alle mostre Il passato e la presenza, II ed. (1983), Scultrici in Versilia (1983) e La donna creativa (1984).

Choi Yoon Sook  nata nel 1967 a Chung Nam, in Corea, nel 1991 si laurea alla Mok-Won University di Daejeon, Corea, dove nel 1995 si perfeziona con un Master in Scultura. Dal 1998 al 2000 è Ricercatrice al Visual Arts Institute e nello stesso periodo (1998- 2001) è anche Assistente alla Cattedra di Scultura presso la Mok-Won University di Daejeon, Corea, e Assistente alla Cattedra di Design (1999-2001) dell’Accademia di Woo-Song, sempre a Daejeon. Nel 2002 segue un corso di Scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara.

DSCN4858

Choi Yoon Sook, Pipistrello, 2012

Tra le sue mostre personali più significative si ricordano: Seoul, Corea (1995); Daejeon, Corea (2001); Carrara Marmotec. A future to the stone age, Carrara (2004); Chiostro S. Agostino, Pietrasanta, Italia (2004); Bocca di Magra, La Spezia (2005); Monteleone (2006); Legnano, Vicenza (2006); San Donà di Piave, Venezia (2008 e 2010); Jesolo (2010); Lu.C.C.A.Center of Contemporary Art, Lounge & Underground, Lucca (2012).

Prende parte a numerose mostre monumentali, tra cui: S. Giovanni in Persiceto, Bologna (2006); Art in the City, Jesolo, Venezia (2007-‘09); Mestre, Venezia (2009); Villa Giovannina, Villorba, Treviso (2009); Open air art, Jesolo, Venezia (2011); Galleria Bellarte, Maastricht, Olanda (2011).

Tra il 1998 e il 2012 partecipa a più di 55 mostre collettive in Corea, Cina, Italia, Olanda e Stati Uniti, ed inoltre ad alcune Fiere Internazionali a Gent, Belgio (LineArt International Art Fair), Padova, Roma, Bolzano, Reggio Emilia, Forlì e Milano. Partecipa anche a concorsi internazionali, quali Mok Ou Hei, Corea (1983); MBC Sculpture, Corea (1993); Art in the city, I Premio internazionale d’arte, Venezia (2012).

Sue opere sono presenti in collezioni private e pubbliche in Italia, Stati Uniti, Inghilterra, Russia, Corea, Monaco e sono in permanenza nel Parco di Sculture “Open One” di Pietrasanta e Art the city, Treviso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un Commento