Digitalk: le origini della videoarte

Martedì 19 Novembre 2013 alle ore: 17:30 all’Opificio Telecom Italia nell’ambito degli appuntamenti di Digitalife 2013 ho assistito all’incontro ”Digitalk. 1963-1973 Alla ricerca della TV come medium creativo. I prmi 10 anni dei primi 50 anni della storia delle arti elettroniche” a cura di Marco Maria Gazzano. Nel corso della serata sono stati analizzati alcuni temi di discussione storica ovvero si è parlato delle ricerche attualmente in corso in Italia sulla videoarte.

In occasione del cinquantenario dalla nascita della videoarte, lo studioso di cinema e storico delle arti elettroniche Marco Maria Gazzano durante l’incontro “1963-1973 Alla ricerca della TV come medium creativo. I primi 10 anni dei primi 50 anni della storia delle arti elettroniche” compie un’analisi critica e filologica sui vari processi che hanno portato alla definizione di questo termine, prendendo come punto di partenza il lavoro del coreano Nam June Paik.

Nam June Paik

La discussione ha affrontato i primi dieci anni a partire da una data convenzionale, ma che è ancora un problema aperto, per poi esaminare anche l’evoluzione delle terminologie utilizzate nel tempo per indicare questo tipo di arti complesse, coinvolgenti e spesso sinestetiche.

Per l’occasione sono stati proiettati alcuni video inediti dall’archivio romano Kinema, di autori come Paik stesso, Steina e Woody Vasulka, Bill Viola, Carlo Quartucci, Carla Tatò, Robert Cahen, Jannis Kounellis, Mario Sasso, Federica Mangoni, Fabrizio Plessi, Luca Patella, Gianni Toti.

Nam June Paik

 

Lascia un Commento