Corporeità della luce di Carlo Bernardini

Il giorno dopo l’inaugurazione dell’installazione luminosa “Corporeità della luce” in via dei Priori, l’artista Carlo Bernardini ha tenuto una lezione pubblica con gli studenti della Cattedra di Scenografia e della Cattedra di Design dell’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci. All’evento erano presenti il Direttore Paolo Belardi, i Prof.ri Fabrizio Fabbroni, docente di Scenografia e Nello Teodori, docente di Design.

Le installazioni di Carlo Bernardini sono forme triangolari o romboidali tipiche di un espressionismo libero dello spazio con cui opera, disegnando in negativo linee di luce nell’ambiente buio così come su un foglio scuro.
La luce per l’artista “costituisce fisicamente il principio del colore ed è proprio per mezzo di essa che la superficie può diventare spazio, così come lo spazio si può trasformare in superficie. Annullando l’illuminazione reale per trasformare le coordinate di un ambiente buio con un disegno di luce… non sarà la forma ad adattarsi al luogo, ma il luogo a trasformarsi a sua immagine“.

CARLO BERNARDINI (Viterbo, 1966) vive e lavora a Milano, dove insegna Installazioni Multimediali presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, realizza a partire dal 1996 installazioni in fibre ottiche, superfici OLF e superfici elettro-luminescenti. E’ stato vincitore per tre volte del premio Overseas Grantee della Pollock Krasner Foundation di New York (2000, 2005 e 2010) e nel 2002 del premio Targetti Art Light Collection White Sculpture. Nel 2010 le partecipazioni a Luci d’Artista a Torino con l’opera Cristallizzazione Sospesa a Palazzo Bertalazone, La Scultura Italiana del XXI secolo alla Fondazione Pomodoro di Milano, le grandi installazioni urbane ad Amsterdam al NIMk-Netherlands Media Art Institute per Sonic Acts, e alla Spuiplein a The Hague-Laia, oltre alla gigantesca Crystallization suspended, presentata all’Art Light Domaquarée a Berlino, lo proiettano definitivamente nel panorama internazionale dell’arte contemporanea. Nel 2011 realizza installazioni alla Boccioni Art Gallery di Milano, al MACRO di Roma, e sempre a Roma nella Basilica di Santa Maria in Montesanto. Nel 2012 è invitato presso il FAD festival de art digital, alla Funarte di Belo Horizonte. Nell’anno corrente Bernardini è invitato a Londra presso la House Peroni con l’installazione Infinity. www.carlobernardini.it

Lascia un Commento